Intervista a Francesco Grassi, Responsabile Marketing Kiteboarding per RRD in esclusiva per il portale kitesurfing.it

Molte sono le novità nel mondo del kitesurf per il 2019, il brand italiano Roberto Ricci Designs non è da meno. Con l’introduzione di due nuove tecnologie top di gamma dei surfini, per rendere i propri prodotti ancora più performanti e duraturi, RRD si vuole posizionare nel non plus ultra del kite wave, e le sorprese non finiscono qui.

Per capirne di più ho intervistato il responsabile marketing kiteboarding, Francesco Grassi.

Francesco-Grassi-RRD

Ciao Francesco, ho sentito di grandi novità in casa RRD, quale è la linea maggiormente innovata?

Ciao Simone, la maggior parte delle novità sono sui surfini, perché abbiamo introdotto due nuove tecnologie: la UC (United Core), che consiste nell’unione due core, EPS e PU all’interno della tavola e la Black Ribbon, che è una tavola fatta interamente in Innegra Carbon fibers. Sono le due tecnologie top di gamma al momento.

RRD-Passion-Ralph-Boelen-VARIAL-black-ribbon-Witsand

Hai parlato di queste due nuove tecnologie, quali sono i loro vantaggi?

Grazie alla costruzione Black Ribbon, la tavola è incredibilmente leggera pur rimanendo resistente e mantenendo un importante flex, se paragonata ad una tavola full carbonio.

Grazie alla costruzione U.C. invece abbiamo cercato di rendere la tavola più resistente nel lungo periodo, applicando rails esterni in PU al core di EPS; questa lavorazione, ha permesso di rendere completamente waterproof i rails, la prua e la poppa della tavola, in caso di di danneggiamento.

RRD-varial-vague

Quindi ogni tavola sarà disponibile in entrambe le costruzioni?

No, queste tecnologie sono disponibili solo per alcuni modelli ma non per tutte.

Avete anche lavorato su nuovi modelli di tavole o solamente migliorato quelle già esistenti?

Abbiamo fatto entrambe le cose. Con l’introduzione di queste due nuove tecnologie, abbiamo migliorato le caratteristiche generali delle tavole già esistenti.

In più abbiamo lanciato la nuova Ace da freeride e onda piccola e la Varial, che è una tavola da freestyle strapless puro da competizione che esce senza il pad frontale e gli inserti per gli straps. Questa tavola è estremamente leggera ed è la più sottile della linea. La sua costruzione garantisce una maggiore facilità nella presa e nel controllo. Infine abbiamo creato delle scanalature nella carena che permettono dei migliori grab, i channel sul bottom garantiscono un’ ottima capacità di bolina, molto importante durante le competizioni.

Essendo una tavola destinata unicamente allo strapless viene fornita, come già detto, senza inserti, ciò non ostante, per i patiti del Thruster, la tavola è una bomba anche sulle onde, parola di Francesco Cappuzzo.

La nuova Varial è già disponibilie?

Al momento solo nella tecnologia U.C. La Black Ribbon uscirà in numero limitato a febbraio 2019.

Oltre a queste grandi novità sulla linea dei surfini ho sentito dire che volete reintrodurre un kite, l’Addiction? Come mai lo avevate soppresso e perché reintegrarlo?

Il mercato sta prendendo rapidamente direzioni nuove, complici i nuovi strumenti di misurazione di altezza si è formato un network di utenti affiatatissimi e molto agguerriti nella disciplina del big air. È così che con Roberto abbiamo deciso di soddisfare questa fetta di mercato sempre più numerosa. L’Addiction, da ottimo kite Race, aveva già di per se grandi caratteristiche di saltatore, ecco perché siamo ripartiti da questo kite ritenendolo all’altezza dei kite riferimento da loop e big air  del mercato attuale.

Quali saranno le caratteristiche di questa nuova vela?

L’Addiction è diventato un purosangue da big air. Nelle misure piccole è un open C puro ad alto aspect ratio, ottimo per looppare sulla luna senza paura che il kite non ti riprenda in tempo. Dal 12m in su, abbiamo invece riflettuto sul reale utilizzo del kite relativo alla maggioranza degli utenti, e vista la misura importante abbiamo preferito regalare al kite una forma ancora più aperta, con i tips più arretrati per performare al massimo su lift ed hang time.

RRD-varial-wave-jump

Un ringraziamento particolare a Francesco Grassi per la sua disponibilità

Tutte le foto sono state scattate dalla fotografa Svetlana Romantsova e Highlight prod

GRAZIE PER AVER LETTO

ti è piaciuto l’articolo…

       Condividerlo è gratis 😉